Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Seguiremo la messa con l’iPad?

ipad- a messaNon sono un gran frequentatore di chiese per la messa, ma per matrimoni, battesimi, funerali o eventi particolari, non mi sottraggo. Il secondo sabato di maggio a Faenza, ridente città romagnola, c’è la donazione dei ceri alla Madonna da parte dei Rioni faentini che, nella quarta domenica di giugno, partecipano ad una rievocazione storica che si conclude con Palio.

Come tutti gli anni, da rionale convinto, partecipo a questa “manifestazione” che è un mix tra sacro e profano, partecipando alla messa da inizio alla fine, che si conclude con la donazione da parte del Vescovo al Sindaco del Palio, un drappo dipinto che sarà il premio al vincitore.

Sui banchi della Cattedrale di Faenza sono ben distribuiti foglietti per chi vuole seguire, anche leggendo, la messa e la mia attenzione è stata catturata dall’ultima pagina di questo foglietto.

“Porte di verità e di fede: nuovi spazi di evangelizzazione” è il titolo ad un articolo, che nulla a che fare con la liturgia della messa, correlato da una foto di un iPad. Non poteva passare inosservata questa immagine per chi, come me, lavora nella comunicazione web ed in particolare sui social network.Foglio per messa

“ Sono ormai tre anni che il Papa sollecita la comunità cristian ad accogliere la sfida del mondo digitale. E, proprio come Gesù che invitava a “diventare pescatori di uomini “, il Papa incoraggia a pescare gli uomini che oggi navigano in rete creando “nuovi spazi di evangelizzazione” e aprendo loro “le porte della verità e della fede “

Conclude così l’articolo, che spiega l’utilità della rete ed in particola dei social network come Facebook, Twitter e Linkedin, come strumento di comunicazione per l’evangelizzazione.

L’evangelizzazione non è altro che comunicare il proprio credo a più gente possibile per convincere della “bontà” della religione cattolica.

La chiesa comunica da oltre 2000 anni, con continuità di messaggio, utilizzando tutte le forme ed i mezzi a disposizione (prendiamo ad  esempio Radio Maria, una delle radio più ascoltate in Italia)

La morale quel’è? Se anche la Chiesa attraverso il Papa stimola all’uso della rete e dei social network per comunicare, chi può pensare ancora che non siano strumenti essenziali per la comunicazione a qualsiasi livello?

Commenta la notizia  

nome*

email*

sito web

Invia Commento