Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Politica & Social: spammare fa male alla salute!

blog

La visibilità, soprattutto in politica, è fondamentale per creare consenso e per non avere brutte sorprese alle elezioni future! Molti politici attraverso i social network cercano di mantenere i contatti con i propri elettori o potenziali elettori attraverso Facebook, Twitter, Instagram, Google Plus, ecc.

Di cosa postare e come farlo attraverso i social network, mi ripropongo di approfondirlo meglio in un prossimo post, ora vorrei parlare della brutta abitudine di spammare ovunque i link che parlano del politico di turno o dell’attività da lui svolta.

Una prassi che vedo usare “troppo” frequentemente è di taggare un quantità sconsiderata di persone o pagine alla fine del post o del link condiviso, soprattutto se i taggati sono persone “influenti” o pagine con un alto numero di “mi piace”. La convinzione del politico o del cugino che gli gestisce l’account/pagina, secondo me, è di pensare che gli amici o i follower della pagina taggata vedano nella loro bacheca il post. Questo mal costume oltre che non soddisfare le aspettative di chi lo esegue, diventa alquanto fastidioso quado viene ripetuto costantemente e con frequenza più che giornaliera.

Non è vietato il tag, ma usarlo con parsimonia e rivolto solo alle persone veramente interessate o coinvolte, deve diventare una buona prassi per non ottenere l’effetto contrario e trovarsi con “amici” che ci bannano o commentano con la loro “rete” in maniera negativa l’operato non consono alle regole di convivenza sul web (netiquette)

Un’altra prassi da evitare è quella di postare il link del articolo direttamente nella bacheca dell’amico o personaggio di spicco ( influencer ), utilizzata per aggirare chi dall’impostazioni della privacy ha bloccato il tag automatico. Anche i questo caso gli amici o i follower della pagina “spammata” non vedranno nella loro bacheca il post ed il risultato è il medesimo di prima … un bel ban. La bacheca dell’amico o dell’influencer, anche se pubblica, è un “luogo” privato e come tale bisogna comportarsi! Se un nostro amico o conoscente ha la porta della sua abitazione aperta a tutti, non è che noi entriamo e spostiamo i mobili a nostro piacimento o ci mettiamo sdraiati sul divano ad aspettare altra gente (scusate il paragone).

Il rispetto per le bacheche altrui deve essere un principio fondamentale, ancora più per un politico che non deve dimostrarsi arrogante, presuntuoso, egocentrico, pensando che tutti siano interessati a quello che dice o fa.

Spammare fa male alla salute del politico, che se ha delle buone argomentazioni o giuste prese di posizioni, troverà soddisfazione nella condivisione di amici o conoscenti, che lo faranno con piacere e daranno un valore aggiunto al post/ link!

Commenta la notizia  

nome*

email*

sito web

Invia Commento