Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Pd e Pdl due partiti spaccati

Pd Pdl Mercoledì 10 luglio il Pdl ha presentato, alla Camera e al Senato, una richiesta di sospensione dei lavori, per tre giorni, a seguito della decisione della cassazione di fissare per il 30 luglio il giudizio di terzo grado sul processo Mediaset, che vede tra gli imputati Silvio Berlusconi.

In realtà, poi, si è votato, su richiesta dei capigruppo del Pdl, la sospensione dei lavori per il pomeriggio di mercoledì, mozione approvata con i voti anche del Pd.

Questa situazione ha evidenziato, se ancora ce ne era bisogno, le forte spaccature interne ai due maggiori partiti che sostengono il Governo Letta.

La tensione è altissima all’interno del Partito Democratico, molti parlamentari prendono le distanze dal voto in Aula ad iniziare dai “renziani” che hanno poi chiesto una riunione da convocare nei prossimi giorni.

La tensione è talmente alta da aver suggerito al Segretario Epifani di far slittare la riunione della commissione sulle regole del Congresso, altro nodo cruciale sugli equilibri interni del PD

Un’ennesima dimostrazione di tensione interne di anime diverse che non condividono molte posizioni, e che il Congresso, ipotizzato a fine anno, potrebbe sedare o far emergere fino ad una spaccatura irrevocabile.

Dall’altra parte dello steccato il Pdl, divisioni tra “falchi e colombe”.

I primi che spingono per la linea dura, difesa ad oltranza per il leader Berlusconi e scontro frontale con la magistratura che potrebbe portare alla caduta del Governo come “ultima ratio”

Le “colombe” che invece cercano di separare la via giudiziaria da quella politica, in nome della governabilità ed a supporto del Governo della larghe intese, tanto voluto dal Pdl ed in particolare da Berlusconi.

Questo è lo scenario dei due partiti che rappresentano la maggioranza degli elettori, ma che per “beghe” interne potrebbero decidere che è finito il tempo del “volemose bene” ed inizia un nuovo percorso per due anime distinte in ambedue i partiti.

Commenta la notizia  

nome*

email*

sito web

Invia Commento