Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Napolitano ha deciso di non decidere

Giorgio Napolitano Dopo la rinuncia di Bersani, al mandato esplorativo per formare un Governo, tutti gli occhi erano puntati sul Presidente della Repubblica. Napolitano si dimette, fa il Governo del Presidente, da l’incarico ad un altro esponete del PD tipo Letta, erano le ipotesi prese in considerazione dai media in queste ultime ore.

Alle 13.00 hanno aperto la sala stampa del Quirinale e tutti i giornalisti erano in attesa dell’uscita del Presidente per dirimere la questione della formazione del Governo. Napolitano non si è fatto attendere troppo e pochi minuti dopo si è aperta la porta sorvegliata dai corazzieri.

Il discorso è iniziato con “Il Governo Monti e’ operativo e tuttora in carica, e’ dimissionario ma non sfiduciato dal Parlamento”, giusto per far intendere all’esterno, mercati esteri e governi europei, che non siamo allo sbando.

Ha proseguito con “Rimango in carica fino alla fine del mio mandato” per mettere a tacere le ipotesi di sue dimissioni anticipate.

La conclusione, che tutti aspettavano, “Darò l’incarico a due gruppi ristretti di personalità  chiamate a formulare su essenziali temi di carattere istituzionale e di carattere economico-sociale ed europeo, precise proposte programmatiche che possano divenire in varie forme oggetto di condivisione da parte delle forze politiche”

Praticamente rimanda al suo successore al Quirinale la decisone di chi incaricare per cercare di formare il Governo, lasciando quindi almeno 20 giorni,le elezioni per il Capo dello Stato inizieranno il 15 aprile, alle forze politiche di ragionarci sopra e praticamente congelando la situazione.

Tranne un miracolo, i due gruppi di “saggi” in pochi giorni stillano un programma di governo condivisibile da più forze politiche, dovremmo aspettare oltre un mese per capire se il nuovo Capo dello Stato sarà in grado di dare un nuovo mandato per la creazione del Governo.

I cittadini meno avvezzi alle strategie politiche capiranno il perchè dovremo aspettare oltre 2 mesi, dopo le lezioni, per capire se alcuni politici metteranno da parte gli interessi di partito e cominceranno a pensare all’interesse dell’Italia?

Commenta la notizia  

nome*

email*

sito web

Invia Commento