Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Elezioni regionali Sardegna: sonora sconfitta del Movimento 5 Stelle

movimento-5-stelle-sardegnaDomenica 16 febbraio 2014 si è votato per il rinnovo del Consiglio regionale della Sardegna e mentre aspettiamo il risultato per sapere chi tra i 6 contendenti vincerà la sfida, che lo porterà a diventare il Governatore sardo, l’unica certezza è la sconfitta dei grillini.

Beppe Grillo non ha concesso, agli attivisti sardi, l’uso del simbolo nonostante lo sciopero della fame di cinque esponenti del movimento capitanato dal comico genovese in coppia con il Gurù informatico Casaleggio.

Alle politiche del 24 e 25 febbraio 2013 i grillini erano il Partito più votato con il 28%, mentre alle comunali del maggio 2013 si presenta in 199 comuni arrivando primo in 3 comuni al ballottaggio.

Un Movimento che si dice nato dal basso come mai non si presenta alle elezioni regionali? Oppure è più corretto dire perché Grillo non permette al Movimento di presentarsi?

“Non presentiamo alcuna lista perché non siamo ancora pronti per farlo. Quando avremo un metodo definito e regole condivise, arriverà il nostro momento” sono le dichiarazioni ufficiali della deputata sarda Emanuela Corda.

Metodo definito e regole condivise solo in Sardegna? In altre regioni italiane non ci sono stati questi problemi ed i grillini si sono presentati ad elezioni regionali fin dal lontano 2010.

Quali sono allora le vere motivazioni che hanno fatto prendere la decisone di non concedere l’uso del simbolo al Capo Grillo?

Non interferire nella disputa tra centro destra e centro sinistra, con un vantaggio evidente per quest’ultimi che hanno un elettorato tendenzialmente più vicino a quello grillino?

Non avere esponenti sardi degni di rappresentare il movimento sull’isola?

Non misurarsi in una tornata elettorale, che avviene pochi mesi prima delle elezioni Europee, per lasciare un punto interrogativo sul reale valore dei grillini in questo momento politico?

Domande che non avranno mai una risposta ufficiale, ma cosa si può pensare di un Movimento che si autoproclama gestito dal basso ed invece è in mano al duo Grillo-Casaleggio?

Commenta la notizia  

nome*

email*

sito web

Invia Commento