Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Con un obolo di 2 euro Renzi diventa il nuovo Unto del Signore

2 euroCon la “scomunica” a Letta da parte della Direzione del PD e la conseguente “benedizione” a Renzi, contraria la corrente guidata da Civati mentre la corrente di Cuperlo si è allineata alla maggioranza del Partito, si è aperto il confronto sul metodo di questa staffetta.

Soprattutto in rete e nei social network il dibattito verte sulle procedure che porteranno Matteo Renzi alla guida del Governo ed a sedere sulla poltrona di Palazzo Chigi.

“Monti, Letta, Renzi: 3 premier 3 non eletti” è la frase cult di chi sostiene che questo passaggio sia come minimo “politicamente scorretto”

“Non siamo una Repubblica presidenziale, non abbiamo mai eletto nessun Premier” è invece il mantra dei sostenitori della bontà di questa operazione di staffetta tra Letta e Renzi

Concordo con chi afferma che non c’è niente di incostituzionale, siamo una Repubblica Parlamentare che ha sovranità di decidere, votando la fiducia, il Presidente del Consiglio incaricato dal Capo dello Stato.

Però dal 2006, con il famigerato porcellum, i partiti che si coalizzano indicano di norma il candidato Premier, fino a mettere il nome sui simboli di partito.

Quello che mi lascia basito, anche se dopo tanti anni dovrei esserci abituato, sono gli elettori e i militanti del PD che difendono a spada tratta questa scelta. Gli stessi che hanno fatto la fila alle primarie di COALIZIONE per scegliere il candidato Premier versando anche i famigerati 2 euro, poi siccome non è andata a buon fine, hanno rifatto la fila e riversato 2 euro per scegliere il segretario del PD, che da regolamento interno è anche il candidato Premier.

Cari compagni, alcuni usano ancora questo termine, basta un obolo di 2 euro da parte di circa 3 milioni di cittadini per far diventare Matteo Renzi il nuovo Unto del Signore che può infischiarsene della maggioranza degli elettori italiani?

Commenta la notizia  

nome*

email*

sito web

Invia Commento