Your browser (Internet Explorer 6) is out of date. It has known security flaws and may not display all features of this and other websites. Learn how to update your browser.
X

Catalunya vs Italia 6-0

CatalunyaSi sono conclusi domenica 6 luglio 2014 il Mondiali IFBT di Beachtennis nella bella cornice di Platja de la Mar Bella a Barcellona con un finale combattutissimo tra le nazionali spagnola e italiana. 

Dopo la vittoria spagnola nel doppio maschile, l’Italia si riscatta nel doppio femminile e si va alla terza partita, il doppio misto, che ha visto imporsi gli iberici e vincere per la prima volta il Mondiale per Nazioni, battendo l’Italia detentrice del titolo.

Questa la cronaca sportiva di un evento per la prima volta organizzato fuori dai confini italici, che ha visto l’ABTCat (Associazione Beach Tennis Catalogna), guidata da Joan Egea Anduix, superare a pieni voti il pesante impegno nonché il confronto con le precedenti edizioni, tanto che il Presidente internazionale, Gianni Belettini, ha quasi confermato la location anche per l’edizione 2015 del Mondiale IFBT.Mondiali Beachtennis Barcellona

Ma dietro a questo evento sportivo c’è molto di più.

C’è una Nazione Catalana che è attenta a tutto il mondo sportivo, non solo calcio e Barça per in tenderci, che agevola anche gli sport “ minori ” con patrocini, ma sopratutto con la presenza effettiva dei suoi uomini di spicco nelle istituzioni.

Non solo il Sindaco e l’Assessore allo sport della città di Barcellona. sono scesi sulla spiaggia a vedere gli incontri e dialogato a lungo con i dirigenti IFBT per capire meglio le esigenze per lo sviluppo di questo sport, ma anche il Ministro dello Sport del Governo della Catalogna (in catalano: Generalitat de Catalunya) ha assistito alla manifestazione.

I giornali catalani, sportivi e non, hanno raccontato giorno dopo giorno i sei giorni di questi mondiali IFBT a Barcellona, ben diversamente dai quotidiani italiani che per l’edizione 2013 a Ravenna hanno scritto un trafiletto, ma solo nelle edizioni locali, raccontando un evento sportivo come fosse la Sagra di …. qualcosa!

Il beachtennis in Italia ha quasi 30.000 atleti nelle varie federazioni, giocatori dai 7 ai 70 anni, decine e decine di gare su tutto il territorio nazionale, ma sopratutto il beachtennis è nato in Italia o meglio in Romagna ed ora esportato in 71 nazioni.

Tutto questo mondo sportivo vive grazie alla passione e al volontariato di un migliaio di piccole associazioni, che organizzano tornei tutto l’anno e gli unici “alleati” sono i gestori degli stabilimenti balneari.

Gli amministratori, dai Ministri ai Sindaci o Asessori, non sanno neanche cosa sia questo mondo sportivo, al massimo partecipano per fare la passerella di turno come fosse la Sagra della Rana ( con tutto il rispetto che ho per le sagre )

La Politica italiana ha perso 6-0 (giusto per rimanere in tema tennistico) il confronto con quella catalana, la Politica italiana ( continuo a scriverla con la P maiuscola perché sono un eterno sognatore ) come non sa difendere il Made in Italy nelle nostre produzioni, non lo difende neanche nello sport che è nato nel 1997 sulle spiagge romagnole.

Catalunya vs Italia 6-0 …. ci rivediamo il prossimo anno a Barcellona.

Commenta la notizia  

nome*

email*

sito web

Invia Commento